Archivi della categoria: Link

L’omelia del vescovo Gualtiero per la Solennità di San Fortunato, patrono di Todi e della Diocesi

“Vir vitae venerabilis”: questo è il ritratto di san Fortunato racchiuso nei Dialoghi di San Gregorio Magno. Più che i prodigi compiuti è il muto linguaggio delle pietre di questo luogo a lui intitolato a raccontare la venerazione del popolo tuderte. La cuspide della torre campanaria di questo tempio è visibile da ogni parte, quasi a ricordare a chiunque la osservi che lo sguardo benedicente del Patrono abbraccia l’intero territorio tudertino. Chi arriva da Perugia ne scorge in lontananza la mole; chi viene da Orvieto intravede, incastonata in mezzo al verde, la sua struttura; chi transita sulla E45 si accorge della sua centralità nell’impianto urbanistico medievale di Todi; chi la scruta dalla parte del Tevere nota che, rispetto alla torre campanaria della Ss. Annunziata, è fuori scala. Quando sono salito per la prima volta quassù, come vescovo, ho inteso che i rintocchi del campanone della concattedrale fanno vibrare la facciata di questo tempio, che custodisce le spoglie mortali di “coloro che ci hanno preceduto con il segno della fede e dormono il sonno della pace”.

Per il testo completo dell’omelia clicca qui

L’omelia del vescovo Gualtiero per la festa della Natività della Beata Vergine Maria

Celebriamo la festa della Natività della Beata Vergine Maria in questo tempio a Lei intitolato, la cui finezza della sua armonia documenta una pagina luminosa non solo del Rinascimento italiano, ma anche della devozione mariana del popolo tuderte. Il grande modello architettonico della Chiesa dal cuore giovane, pronta a seguire Cristo con freschezza e docilità, rimane sempre la Vergine Maria. “Il suo Fiat (cf. Lc 1,38) è l’esempio più bello – assicura Papa Francesco – che ci racconta cosa succede quando l’uomo, nella sua libertà, si abbandona nelle mani di Dio”.

Per il testo completo dell’omelia clicca qui

 

L’omelia del Vescovo Gualtiero per la solennità dell’Assunzione della Beata Vergine Maria

“Ammantata di sole”: con questa immagine così evocativa la lex orandi mostra lo splendore di bellezza della Vergine Maria Assunta in cielo. Se l’iconografia ritrae la Madonna con il suo manto steso a proteggere il popolo cristiano, la liturgia ci assicura, nell’odierna solennità, che è Dio stesso a rivestire la Vergine di Nazaret con il manto della sua luce la quale, il giorno di Pasqua, “ha inondato la terra e ha ridato la gioia al mondo intero”.

Per il testo completo dell’omelia clicca qui